Google Android e la sua inclusione nel Kernel Linux

Solo poco tempo fa, Greg Kroah-Hartman, ha cancellato il codice di Android dal Kernel di Linux perchè reputato ormai un fork che non segue il tree principale.

Il messaggio a seguito di questo fu:
“Staging: android: delete android drivers
These drivers are no longer being developed and the original authors seem to have abandonded them and hence, do not want them in the mainline kernel tree.

So sad :(“

Chris DiBona per, open source manager ha però detto negli ultimi giorni che effettivamente il kernel Android non sia poi tanto un fork quanto il Red Hat di Enterprise Linux e che reinvieranno il codice a Linux per la sua reinclusione.

Google ha comunque comunicato che cerca e cercherà di mantenere il kernel il più possibile vicino a quello ufficiale, sperando di ricevere la reinclusione del codice.

[Via]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Claudio

    io sono d'accordissimo e felicissimo del fatto che Android venga implementato nel kernel Linux e penso anche io che porterà innumerevoli vantaggi sia per gli utenti Linux, sia alla Google stessa la quale ha sempre vissuto di visibilità. In poche parole alla Google interessa che vengano utilizzate le proprie applicazioni, non tanto il fatto di che sistema operativo venga utilizzato. Penso faranno lo stesso anche con Chrome Os in futuro. Ipotesi sostengono che progetti come Ubuntu , Fedora e Suse convergeranno in uno unico, unitamente a quello di Google e che si utilizzerà un solo metodo di pacchettizzazione. Per Linux questo rappresenterebbe il futuro! Anche perchè penso fermamente che il futuro sarà Linux e che diventi un giorno il Sistema Globale. Ai posteri l'ardua sentenza.

  • Pingback: Google Android e la sua inclusione nel Kernel… | Android()

  • Andreabont

    @Panciotti

    Quando un sistema operativo usa il kernel Linux, esso può non essere la versione "pura" rilasciata da kernel.org, ma può essere modificato e adattato al sistema operativo (per esempio per specializzarlo)

    Ma se si vuole rimanere in "Linux" (ovvero essere considerati come un sistema operativo che usa effettivamente Linux) si deve garantire la compatibilità del proprio kernel con la versione "pura", ovvero i driver scritti per la versione pura devono girare su quella modificata e viceversa.

    Se il kernel viene modificato al punto tale che la nuova versione non è più compatibile con quella ufficiale si crea una fork del codice, il nuovo kernel non può più chiamarsi "Linux" ma diventa un kernel a s'è stante derivato da Linux.

    Per Android è successo esattamente questo: le modifiche apportate da Google sono state talmente radicali da "staccarsi" forzatamente dal kernel ufficiale, causandone l'uscita.

    Se vogliono rientrare devono rendersi compatibili, il che sarebbe una cosa positiva per tutti :-)

  • Paciotti

    Chi mi spiega bene questa cosa? L'avevo già letta da qualche parte, ma non ho capito perchè il codice di Android dovrebbe essere incluso tra i sorgenti di Linux…

  • Matteo Silvestro

    Buone notizie!

Top