Gli sviluppatori di giochi mobile obbligati a pubblicarli in versione free?

play-store

Giochi gratuiti si, giochi gratuiti no: è questo il dilemma che nelle ultime settimane sta tormentando diversi importanti sviluppatori di titoli destinati alle piattaforme mobile.

Pare che un numero sempre maggiore dei principali editori abbia deciso di puntare soprattutto sulla soluzione free-to-play o, in alternativa, su quella pay-to-win (giochi che permettono di acquistare potenziamenti per migliorare le proprie performance), ritenute quelle capaci alla lunga di garantire i guadagni maggiori.

Stando a quanto riportato dallo staff di PocketGamer, alcuni editori sarebbero andati anche oltre la semplice preferenza per un tipo di soluzione rispetto ad un altro: sembra, infatti, che diversi sviluppatori indipendenti siano stati “invitati” a scegliere l’opzione free-to-play (o pay-to-win) per i propri giochi, pena il rifiuto della pubblicazione.

Ciò, almeno, è quanto hanno raccontato gli autori di titoli come Pablo Cavarez e Arena: Clash of Champions, i quali si sono trovati di fronte una situazione ormai consolidata: la strada tracciata dai principali editori è quella che predilige i giochi che gli utenti possono scaricare gratuitamente, salvo poi dover effettuare acquisti in-app o sopportare annunci pubblicitari più o meno invasivi.

E chi non ci sta? Probabilmente la soluzione che molti sviluppatori seguiranno (ove possibile economicamente) è quella dell’auto-pubblicazione, così come del resto è avvenuto anche per i due giochi di cui sopra.

Resta da capire se tale mutata situazione influirà sul mercato dei videogame per smartphone o tablet e, in caso affermativo, quale genere di conseguenze avrà. Più titoli gratuiti sono sinonimo di un livello qualitativo generalmente più basso?

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Parlando onestamente, credo che Android abbia ormai un sistema di gestione grafica più che buono e sempre più in perfezionamento. Sarebbe interessante invece avere nel PlayStore giochi di rilievo come God Of War, Splitercell, Ridgeracer, granturismo, FinalFantasy ma in versione console, e via dicendo. I game pad non mancano, mancano solo i Grandi Titoli per condire il tutto, anche perchè ps vita è già vecchia in confronto e android è più capillare come espansione.

  • Gigi

    io preferisco molto di più la possibilità di comprare il gioco subito e avere tutto sbloccato che pagare poco a poco gli acquisti in-app, non li sopporto per nulla

Top