Asus Transformer Prime e Tegra 3 sottoposti a benckmark

C’è molta attesa intorno al nuovo system-on-chip (SoC) di Nvidia per i dispositivi mobile, Tegra 3. A differenza del predecessore Tegra 2, uscito già nel gennaio 2010, Tegra 3 non ha tardato ad essere adottato e già sono all’orizzonte i primi dispositivi che l’adottano, come l’Asus Transformer Prime in uscita il prossimo 19 dicembre.

Da alcuni test preliminari sul Lenovo LePad K2, tuttavia, sembrava che Tegra 3 rappresentasse sì un netto miglioramento rispetto a Tegra 2, ma non tale da far gridare al miracolo tecnologico. Nvidia aveva rassicurato tutti parlando di mancate ottimizzazioni del software., ma per ora il sito Anandtech ha preliminarmente recensito il Transformer Prime, sostanzialmente confermando i risultati ottenuti sul tablet di Lenovo.

Nvidia è storicamente un produttore di chip video, e sarebbe lecito aspettarsi che Tegra 3 rappresenti il top per quanto riguarda le prestazioni grafiche. In questo senso, il Trasnformer Prime si pone al di sopra di tutti i tablet e smartphone Android ma… nei testi sintetici si è visto talvolta indietro al PowerVR SGX543MP2 che equipaggia il SoC A5 montato su Apple iPad 2 e iPhone 4S, anche facendo la “tara” dovuta alla maggiore risoluzione del dispositivo. Comunque un ottimo traguardo per il Tegra 3, senza contare che ci si potranno aspettare nuove ottimizzazioni in futuro, sia come driver, sia come software in esecuzione, sia come sistema operativo (il Transformer Prime è per ora equipaggiato con Honeycomb).

Tuttavia, è nel comparto CPU che il quad-core di Tegra 3 fa vedere i suoi muscoli, mostrando prestazioni anche più che doppie rispetto al primo Transformer dotato di Tegra 2 nei test specificamente multithreaded, e segnando nuovi record nei test sintetici di navigazione (che sono però notoriamente a thread singolo).

Ci si potrebbe aspettare che tutta questa potenza sia un dramma per la durata della batteria, ma sembra che il Transformer Prime si ponga abbastanza nella media rispetto agli altri tablet più comuni, dal Galaxy Tab allo Xoom, Dal Playbook di RIM all’iPad di Apple.

Purtroppo sembra che il dock del vecchio Transformer, al contrario di quanto affermato da Asus, non sia compatibile col nuovo Transformer Prime.

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Maxeli3

    le case produttrici devono ottimizzare i loro prodotti ,punto e basta.La rincorsa all’ardware super potente e’ uno specchietto per le alloddole , soprattutto per noi consumatori.

Top