ASUS Eee Pad Transformer, ora rombante a 1,6GHz

In un periodo in cui sempre più  i tablet entrano a far parte della nostra vita quotidiana e vanno addirittura a sostituire le più tradizioni soluzioni notebook e netbook, pare logico che molte delle attività che venivano svolte su questi passino sui nuovi dispositivi. Una di queste attività è la pratica dell’overclock.

Non molto tempo fa abbiamo riportato la pubblicazione del kernel NetFormer, che permette di portare il processore nVIDIA Tegra 2 dell’ASUS Eee Pad Transformer ad una strabiliante frequenza di 1,4GHz – seppur con qualche instabilità. Era ancora al di sotto del record registrato dal Motorola XOOM con il kernel Tiamat, che consentiva di portare il Tegra 2 a 1,6GHz con prestazioni molto al di sopra dell’ordinario. Non soddisfatti dell’inferiorità rispetto al tablet della casa alata, gli sviluppatori avevano intenzione di portare il processore ald 1,7GHz di clock, fermandosi a 1,6GHz e andando quindi in pari con lo XOOM. Il nuovo kernel sembra anche molto più stabile rispetto al precedente.

Caveat: alcuni utenti sperimentano freeze improvvisi del dispositivo quando installano questo kernel ed effettuano l’overclock della CPU. Tuttavia, coloro che riescono ad overclockare il tablet ricevono di ritorno un quantitativo di potenza molto più che notevole (ovviamente al costo di un maggiore consumo di batteria). Nel benchmark quadrant, i risultati ottenuti superano i 5000 punti.

Sembra dunque che gli sviluppatori abbiano ancora molto da dire sui processori dual core, soprattutto in vista dell’uscita dei nuovi Qualcomm Snapdragon MSM8660 con frequenza di clock di default settata a 1,5GHz. La prossima uscita dei processori quad core potrebbe andare a rendere inutili i processori dual core, in via puramente teorica. Veritas in medio stat, dicevano i Romani: se da un lato i processori quad core offrono molta più potenza a livello teorico, al livello pratico bisogna riscrivere il software per avvantaggiarsi dei processori multicore. Questa riscrittura deve partire dal sistema operativo, che deve mettere a disposizione del software l’hardware su cui va a girare. Nell’attesa dei nuovi processori, possiamo continuare a divertirci con i Tegra 2

[Via androidcommunity.com]

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

Top