Alcatel-Lucent: “parlare di 5G è ridicolo”

Alcatel-Lucent

Michael Peeters, direttore tecnico della divisione wireless presso Alcatel-Lucent, ha espresso un pensiero che tutti noi persone comuni pensiamo già da qualche tempo: parlare di 5G è ridicolo e non ha alcun senso in questo momento.

Molti dicono – giustamente – che ha appena cominciato a diffondersi il 4G, con alcune zone (anche e, forse, soprattutto in Italia) che non sono ancora nemmeno coperte appieno dalle reti 3G, e già si comincia a parlare della prossima generazione di reti cellulari. Questo ha chiaramente poco senso, sia dal punto di vista logico sia dal punto di vista tecnico, che è quello più importante.

Di fatto, cosa rende una tecnologia di tipo 5G? Come si fa a dire che si sta sviluppando una tecnologia per la prossima generazione, quando non è stato definito nessuno standard né ci si è cominciati ad accordare su quali saranno le novità del 5G? Peeters fare notare che:

  • il 5G non porterà significativamente più capacità o banda passante;
  • il 5G dovrà avere un’archiettura di rete aperta e trasparente;
  • le tecnologie 5G non saranno impiegate fino a che le aziende non si prepareranno ad usare le tecnologie “4.5G”, che coinvolgono le small cells in grado di distribuire meglio il carico in aree congestionate;
  • non ci sarà nessun miglioramento significativo delle tecnologie fino almeno al 2022-2023;
  • gli operatori dovranno cominciare ad utilizzare LTE nelle bande senza licenza, come quelle usate dal WiFi, per aumentare la capacità delle reti.

Parlare di 5G ora è come parlare di console di nona o decima generazione quando è appena stata immessa in commercio l’ottava. Che senso ha, considerando che bisogna ancora portare al suo pieno sviluppo la tecnologia attuale e che bisogna sedersi ad un tavolo per decidere quali saranno le caratteristiche della prossima generazione?

Il problema è che, come fa notare Peeters, molte aziende hanno proprietà intellettuali, tecnologie, brevetti e quant’altro che vorrebbero vedere inclusi nel novero delle tecnologie 5G per recuperare i fondi spesi in ricerca e sviluppo. Ma non si può inserire tutto nel 5G, da velocità prossime al gigabit al M2M (machine-to-machine) alle tecnologie millimiter-wave, dunque qualcuno dovrà rimanere deluso.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoAndroid si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

  • Portiamo prima la banda larga a tutti e poi avrà senso parlare di miglioramento.

    • francesco

      perfettamente d’accordo, ora sul cellulare ho una velocità in download di 25 Mb/s e 20 in upload, mentre a casa ho 3 Mb/s in down e 0.4 in up, questa cosa è totalmente ridicola, ormai fa veramente ridere. Ormai ho perso le speranze su un eventuale miglioramento della mia linea fissa, faccio prima ad aspettare contratti flat 3g o 4g decenti quando arriveranno

  • Alessandro Trezza

    Non ha alcun senso appunto… Cioè oltre al fatto che le reti veloci non ci sono ovunque.. Ditemi che senso ha una maggiore velocità cazzo ce ne facciamo per esempio di un GB di velocità?? A mio pare già LTE fa già al meglio tutte le operazioni che avvengono tramite la rete…

    • ego

      che poi sul cell hai un giga di internet incluso e così in un secondo te lo fulmini :D

      • Fabrizio Catena

        Hai detto una cosa stupida!Una velocità maggiore di download vuol dire che il contenuto web che guardi verrà visualizzato più velocemente .Trovami un sito che ha una pagina principale che pesa 1 GB ?

  • Daavide Magni

    A casa mia non prende il 3G, per l’appunto :D

Top